mercoledì , 21 novembre 2018
Lo sai che....

Addio ai giardinieri: a Tokyo si affittano le caprette per tosare l’erba

caprette-erbaCapre al posto dei giardinieri: l’iniziativa, a Tokyo, sta riscuotendo un grande successo. Un’idea sperimentale che, dato il successo, potrebbe proseguire anche a lungo. Un complesso condominiale di Tokyo, infatti, stanco dei rumori dei tosaerba, ha pensato bene di arruolare delle caprette. Queste ultime, oltre ad essere economiche, non devono essere istruite nel loro “lavoro”, e sono in grado di raggiungere qualsiasi angolo…anche quello più remoto e nascosto del giardino. Tutto è cominciato con l’arrivo di quattro caprette alla Urban Renaissance Agency: quest’ultima, dopo aver valutato la situazione, ha pensato bene di impiegarle (in via sperimentale) come tosaerbe. Il tratto che le caprette devono curare, infatti, è un’area verde delimitata da mura. I condimini sembra che abbiano accettato la proposta con entusiasmo: le caprette, infatti, hanno un costo di gestione molto inferiore rispetto ad un normale giardiniere. Inoltre, non sono per nulla rumorose ( a differenza dei tosaerba impiegati per tagliare il prato) e non necessitano di particolari istruzioni. L’unico aspetto negativo potrebbe riguardare gli escrementi che lasciano sul prato. Anche in questo caso, però, la Urban Renaissance Agency ha trovato il lato positivo: le feci a palline delle caprette non sono rischiose per la salute dei condimini, e sono un ottimo concime naturale per il prato. Insomma, la Urban Renaissance Agency sembra aver trovato una nuova soluzione contro l’inquinamento acustico: le caprette al posto dei giardinieri. Oltre ad essere un’idea economica, la proposta ha suscitato un grande clamore. Tant’è che l’esperimento (iniziato a settembre) potrebbe essere prolungato a lungo. Inoltre, la società (se otterrà i risultati sperati) potrebbe impiegare altre caprette per gli altri stabilimenti condominiali. Di sicuro, l’iniziativa ha riscosso un grande successo: tutti i condomini, infatti, si sono detti contenti del cambiamento. E come dargli torto? Rimane solo un piccolo dubbio: le caprette rappresenteranno anche una valida alternativa ai soliti “giardinieri”, ma come la mettiamo cin i fiori? Probabilmente nei giardini di Tokyo, da oggi, non ne verranno più piantati: cosa non si fa per risparmiare!

Inserisci un commento