sabato , 18 agosto 2018
Lo sai che....

Bambino di 4 anni cacciato dal negozio di ciambelle

Bambino di 4 anni cacciato dal negozio di ciambelle

Questa è l’incredibile storia di un bambino di soli 4 anni che è stato giudicato maleducato dai proprietari di un negozio di ciambelle, e quindi è stato cacciato con la madre. Il negozio di ciambelle, presente nel Connecticut, ha così vietato l’ingresso ad un povero bambino  di nome Justin, era al Doughnut Inn con la madre e, incuriosito, ha voluto fare una domanda ad una donna che era anch’ella nel negozio. La domanda del bambino era se nella pancia aveva un bambino. La donna ha risposto, affermando che non era incinta, e la madre del piccolo, Rebecca Denham, è immediatamente corsa dalla donna per scusarsi dell’invadenza di Justin.

Al noto giornale della “WFSB” la donna ha spiegato: “Le ho detto, ‘Oh mio dio, sono così imbarazzata, scusi molto'”. La signora, gentilmente ha risposto che non c’era nessun problema, ma i proprietari del negozio si sono offesi così tanto da prendere la cosa sul serio, ed hanno deciso di non far entrare più la donna Rebecca Denham e il piccolo Jusitn nel loro Doughnut Inn.

Di fatti, quando i due sono tornati, sono stati cacciati affermando: “Lui non può entrare qua dentro”; la donna guardandosi attorno ha indicato suo figlio ed ha chiesto: “Lui?”. La loro risposta è stata: “Si, è maleducato”. Ovviamente, la donna ha spiegato l’imbarazzo del locale, ma reputa la sanzione imposta alquanto eccessiva, poichè è ridicolo che per una domanda del genere, tra l’altro fatta da un innocente bambino di solo quattro anni, si possa essere cacciati da un negozio di ciambelle.

Infatti la donna ha affermato: “Certe persone sfortunatamente fanno giudizi affrettati, e quindi spenderemo i nostri soldi altrove”. Beh che dire? Certamente tale comportamento da parte di un innocente bambino di soli quattro anni, non può essere considerato maleducazione, poichè per la sua tenera età non è in grado di offendere le persone.

Inserisci un commento