mercoledì , 18 ottobre 2017
Lo sai che....

Candidato si posa nudo sui manifesti

1-50-26

Se fino ad ora erano state soprattutto le donne a sfidare lo scandalo collettivo e a mostrarsi sui manifesti elettorali in una versione estranea al rigore della politica, adesso che la parità è un dato di fatto pure ai signori uomini è concesso l’azzardo della stravaganza fotografica e a poco più di due settimane dalle elezioni anticipate, in Danimarca, John Erik Wagner ha dato sfoggio delle sue doti fisiche.

Per promuovere la sua corsa verso la poltrona di primo ministro, il candidato 52enne nato in un distretto della capitale danese ha pensato bene di tappezzare la città di manifesti che lo ritraggono nudo e con solo un cinturone da cow boy sui fianchi.

L’uomo, tuttavia, non è nuovo ad iniziative originali di questo tipo. Presentatosi alle regionali e alle politiche già dal 2005, nel 2013 fece parlare di sé per un’irruzione in uno studio televisivo dove era in corso una tribuna politica e munito del fido cinturone, aveva protestato per l’esclusione dai dibattiti dei partiti minori al grido di “Non sono elezioni libere!” prima di essere portato via dagli addetti di studio.

Due anni dopo, dunque, ci riprova e va detto che comunque esistono altri poster elettorali in cui Wagner posa di tre quarti, completamente vestito e incravattato. La sua proposta politica si basa sulla modifica delle regole elettorali, sulla gratuità delle visite mediche e dentistiche e nel radicale cambiamento del mercato del lavoro perchè tutti abbiano sei mesi di lavoro e sei di vacanza.

In rete, naturalmente, si son subito scatenati i commenti: “Bel lavoro Wagner” ha twittato una internauta, “ha riempito Copenaghen dei suoi attributi con la scusa di correre alle elezioni” ha aggiunto qualcun altro e c’è anche stato chi ha palesato la domanda su quale nesso vi sia tra la nudità e il suo programma. “È la Danimarca, bellezza” è stata, allora, la risposta di un utente che, evidentemente, sa già a chi darà il suo voto.