martedì , 22 agosto 2017
Lo sai che....

Cina: genitori vendono figli per giocare a Candy Crush

Candy Crush Saga, Apple 2013

Questa è l’assurda storia di una coppia di genitori provenienti dalla Cina, che hanno venduto i loro figli per poter acquistare dei “bonus gioco” di Candy Crush per poter continuare a giocare, ovviamente, e per fortuna, entrambi i genitori sono stati arrestati.

Molte sono state le persone che si sono chieste come mai di questo comportamento, tuttavia, tramite diverse ricerche effettuate dalla polizia, si è scoperto che i due “genitori” (se così si possono chiamare), avevano bisogno di denaro per poter continuare a giocare al famosissimo gioco di Facebook di caramelle “Candy Crush“.

Il gioco Candy crush Saga nel 2013 è diventato così popolare da aggiudicarsi una media di ben 45,6 milioni di utenti al mese che scaricavano anche come applicazione su smartphone, e giocavano fino ad acquistare “bonus” con soldi veri.

Inoltre, dopo quanto accaduto, la stessa coppia di genitori ha confermato ai poliziotti che avevano finito i soldi per poter comprare altri “bonus gioco” del game online, quindi, hanno ben pensato di spendere i ricavi ottenuti, vendendo i loro figli, per poter continuare a giocare ancora.

Tuttavia, molte persone provenienti dalla Cina, non sanno che con gli acquisti tramite applicazioni, possono avere diversi bonus che possono essere regalati, proprio come ad esempio le vite nel noto gioco Candy Crush”. Grazie a questo sistema, che si è alquanto diffuso in Asia, gli editori delle varie app hanno la possibilità di ricavare diversi miliardi.

Oltre questa “incredibile” storia, vi sono stati altri episodi molto simili, ovvero durante il mese di Aprile 2014, un uomo proveniente dalla Corea del Sud ha lasciato morire il suo bambino dimenticandolo in un sacco della spazzatura, mentre continuava a giocare ad un videogioco.

Beh che dire? Una storia davvero pazzesca, poichè i genitori di ogni figlio dovrebbero pensare ad accudire i propri figli, e non drogarsi davanti ai video giochi, commettendo gesti del genere.