martedì , 17 ottobre 2017
Lo sai che....

Coca-Cola rimuove ingrediente segreto

coca-cola-pepsiLa nota azienda Coca-Cola ha annunciato che, a breve, eliminerà anche negli USA l’ingrediente segreto dalle sue bevande, poichè considerato troppo pericoloso per la salute dell’uomo. L’ingrediente di cui vi sto parlando è il “BVO“, ovvero si tratta di un additivo che viene impiegato in alcuni tipi di bevande come la nota Fanta e la Powerade.

Oltre ciò, anche casa Pepsi, che solo lo scorso anno ha modificato la ricetta delle sue bevande eliminando la sostanza del “Gatorade“, ha deciso ed ufficializzato che rimuoverà questo addensante alimentare dalle sue bibite. Il BVO è una sostanza “Nociva” che si preleva dal mais o dalla soia, che permette di poter mischiare i vari aromi alimentari. Quindi, per questo motivo, è considerata una sostanza altamente dannosa per l’organismo umano, per di più, il BVO è un additivo vietato dall’Unione Europea.

Secondo quanto appreso da un team di ricercatori del Mayo Clinic, è stato affermato che un prolungato utilizzo di bevande conteneti BVO può causare molti problemi di salute. Infatti, è stato affermato che questa sostenza induce problemi al sistema nervoso, alla pelle ed addirittura una grave perdita di memoria.

Quindi, l’azienda produttrice Coca-Cola, ha affermato che sostituirà l’additivo BVO con altri tipi di ingredienti, come ad esempio, gliceri di resina e saccarosio acetato isobutirrato che permetterano di rendere la bibita sempre gustosa, nonostante non vi sia la presenza di quel emulsionante alimentare dannoso per la salute. L’azienda ha deciso di eliminare il BVO dopo una petizione di migliaia di cittadini americani, nella quale chiedevano espressamente al Colosso americano di rimuovere l’additivo alimentare pericoloso, presente nella Coca-Cola.

Nonostante la società continua a difendere l’addensante, ha annunciato che eliminerà il BVO da tutte le sue bevande. Inoltre secondo quanto appreso sul web, possiamo affermare che questo additivo, è già stato eliminato e severamente vietato in Europa e in Giappone.