venerdì , 24 novembre 2017
Lo sai che....

Corato: un uomo consegna scheda elettorale sporca di feci

feci nella scheda elettoraleAnche per le elezioni quest’anno vi sono state occasioni, durante le quali, sono stati “raccolti” gli strani ed assurdi comportamenti di alcuni elettori come ad esempio voti fotografati, voti pagati ed escrementi nelle schede. Infatti, è il caso di Corato, nel Barese, dove un ragazzo di 27 anni ha cercato di imbucare la sua scheda elettorale per le Europee sporca di escrementi.

Il presidente della sezione numero 42, si è subito insospettito dopo aver sentito un cattivo odore provenire dall’urna ed ha avvertito la forza pubblica. Infatti, il giovane elettore stava per consegnare la scheda delle elezioni Europee con le sue preferenze, ma è stato subito bloccato. Così, sul posto è intervenuta immediatamente la polizia che ha perquisito il ragazzo ed ha trovato nella tasca della sua giacca un vasetto che conteneva gli escrementi che il ragazzo pugliese aveva precedentemente utilizzato per “scegliere” le sue preferenze imbrattando la scheda. L’uomo elettore, è stato poi portato in commissariato, incensurato e denunciato per danneggiamento aggravato della cosa pubblica, atti contrari alla pubblica decenza e  vilipendio allo Stato per aver sporcato la scheda elettorale con le feci.

L’episodio è avvenuto ieri pomeriggio, nella scuola media “Imbriani“, dove l’uomo è riuscito a consegnare la scheda elettorale per le amministrative che è stata imbucata, mentre la scheda arancione per le elezioni Europee è stata sigillata e sequestrata dalla polizia. Sembra che il ragazzo abbia voluto prendere spunto da “Fantozzi” che si è portato le “feci” da casa, ma a quanto pare nonostante abbia compiuto questa bravata per farsi notare o per protesta, non gli è andata proprio bene. Inoltre,  la scheda blu per le elezioni amministrative è rimasta nell’urna e, si spera, non abbia contaminato le schede degli altri elettori. Immagino i poveri scrutatori che hanno dovuto aprire tutte le schede che sono state, per un giorno intero, nella stessa urna.