lunedì , 20 novembre 2017
Lo sai che....

Curiosità sulla Pasqua

curiosità pasquaIn questo articolo voglio elencarvi alcune delle curiosità che riguardano la Pasqua che molti di voi non conoscono. Durante il fine settimana di Pasqua dal venerdì Santo alla domenica, le campane delle chiese in Italia non suonano. Questa decisione è stata presa proprio per rispettare in silenzio la morte di Cristo. Inoltre, questa è anche un usanza francese. Sapevate perchè la data del giorno di Pasqua è diversa ogni anno? Infatti, in molti ogni anno si fanno sempre la stessa domanda, ovvero quando è Pasqua. La data della Pasqua cambia tutti gli anni, secondo una regola stabilita nel 325 d.c. Ovvero, la Pasqua deve coincidere con la domenica successiva alla prima luna piena dopo l’equinozio di primavera.

Un’altra curiosità della Pasqua, è il suo simbolo, ovvero la colomba. Questo tipo di uccello è stato scelto proprio per rappresentare la pace e la salvezza dell’uomo. Tra le curiosità riguardanti questa data, vi è quella del periodo romano secondo la quale gli antichi romani erano soliti seppellire un uovo rosso nei campi proprio per augurarsi una terra produttiva. Per di più, nel lontano 1897 nella città di Londra, fu costruito un uovo di Pasqua gigante, che presentava delle misure di 270 cm d’altezza e una circonferenza di 3,5 metri. Sapete perchè l’agnello è il piatto più popolare della Pasqua? Perchè è il simbolo della purezza e dell’innocenza che gli antichi hanno sempre associato al sacrificio che ha compiuto Gesù per l’umanità. Oltre ciò, voglio raccontarvi la storia della nascita del simbolo più rappresentativo di questa data, ovvero l’uovo di Pasqua.

L’uovo sta ad indicare sin dall’antichità la nascita e quindi la fecondità. Infatti, l’uovo veniva donato proprio il giorno di Pasqua poichè questa data coincideva con il festeggiamento della fecondità durante la primavera. Anche gli Egizi donavano uova durante il periodo della primavera, per augurare la rinascita. Invece, nella tradizione cristiana, le uova stanno a rappresentare la Resurrezione di Cristo. Di fatti, secondo la leggenda, si narra che Maddalena, tornando dal Santo Sepolcro che era vuoto, incontrò Pietro che disse che avrebbe creduto alle sue parole, solo se le uova che erano presenti nel suo cestino si sarebbero tinte di rosso; così le uova diventarono subito rosse e Pietro, incredulo si prostrò davanti al miracolo accaduto. Quindi, da quel giorno alla fine di tutte le messe pasquali, si donavano uova rosse ai fedeli.

Per quanto concerne l’uovo di cioccolato, possiamo affermare che molto probabilmente questa usanza provenga dall’America, ovvero dove è nata la pianta di cacao. Molti di voi, si chiederanno da cosa derivi il termine Pasquetta. Con questa parola, si indica il lunedì che segue la Pasqua, durante il quale i cristiani festeggiano con una gita fuori porta o semplicemente facendo una scampagnata. Secondo un’altra tradizione, possiamo affermare che gli Armeni durante questo giorno decoravano le uova con immagini di Cristo o della Madonna.

In Germania le uova che si utilizzano per cucinare non si rompono, ma il contenuto viene posto in una scodella, semplicemente bucando il guscio con un ago. Per di più, possiamo affermare che esistono dei modi di dire che ricordano il periodo pasquale. Tra le varie frasi vi è: ‘Lungo come una quaresima’, ovvero si dice di una persona noiosa. Un’altra frase è: ‘Ha sciupato tutto adesso e fa quaresima’, è riferito a chi ha consumato tutte le proprie ricchezze e vive in povertà. La più nota è: ‘Essere felice come una Pasqua’, ovvero è una frase che esprime colui che manifesta una grande felicità. Un altro modo di dire è: ‘Pasqua alta‘, ovvero quando questa festività è in ritardo, mentre ‘Pasqua bassa‘ quando è in anticipo.