martedì , 25 settembre 2018
Lo sai che....

Fa provare ai ragazzini la sensazione di affogare: scuola cinese sotto accusa

provare ad affogareUna scuola cinese è finita sotto accusa perchè ha introdotto un bizzarro esperimento: ha chiesto ai suoi alunni di immergere la faccia in una bacinella, e di tentare di affogare! Una richiesta assurda, ma che nasconde un obiettivo ben preciso.

Siamo a Luoyang, in Cina, e questa scuola si trova nei pressi di un fiume molto frequentato, soprattutto nei mesi estivi. Purtroppo, gli incidenti sono all’ordine del giorno, ma le istituzioni scolastiche hanno iniziato a prendere in mano la situazioni, proponendo curiosi esperimenti sociali.

All’inizio dell’anno scolastico, quindi, ha proposto agli studenti di uscire in cortile, e di immettere il volto in una bacinella d’acqua. In questo modo, i ragazzi avrebbero dovuto sentire la sensazione di affogare proprio sulla loro pelle. Un esperimento che, però, ai più non è piaciuto.

Molti ragazzi, infatti, si sono detti traumatizzati dalla prova a cui sono stati sottoposti. Tuttavia, l’istituto scolastico ha spiegato che questo era l’obiettivo di fondo: traumatizzare i ragazzi affinchè facessero più attenzione all’acqua, e ai suoi pericoli.

Sarà, ma i cinesi non sono di sicuro nuovi a questo genere di iniziative: la scuola di Xu Xianyang, invece, propone marce di 1000 km ai suoi studenti. In questo caso, però, si tratta di una scuola speciale, e destinata ai bambini ingestibili, e  ai genitori che non sanno più come educarli.

In sostanza, gli studenti vengono fatti marciare per 1000 km. L’obiettivo è di insegnare loro, con il sudore (è il caso di dirlo!), la disciplina. In questo caso, la dirigenza scolastica ha spiegato in questo modo il loro “originale” metodo di insegnamento: “Marciare è la forma più semplice di formazione, e stanca e porta al limite. A quel punto i ragazzi cominciano a riflettere…vivendo in gruppo, poi, si scrollano di dosso la pigrizia e l’egoismo”.

Insomma, i ragazzi cinesi è bene che imparino le buone maniere fin da piccoli: gli esperimenti sociali, in questo paese, sono all’ordine del giorno!

Inserisci un commento