martedì , 12 dicembre 2017
Lo sai che....

Fatemi parlare con Sir Alex Ferguson: ecco lo sfogo di un tifoso ubriaco

Alex_Ferguson_Cosa sareste disposti a fare, pur di vedere la vostra squadra del cuore motivata e vincente? Un tifoso inglese ha, forse, esagerato un pochino e ha rischiato l’arresto. Vediamo, allora, cosa ha combinato il protagonista di questa strana vicenda.

Qualche giorno fa, un tifoso ubriaco (di cui non sono state rese note le generalità) ha chiamato il 999. Questo numero corrisponde al 113 italiano, e dovrebbe essere utilizzato solo in casi di reale emergenza. Per il tifoso, evidentemente, si trattata di vita o di morte. Tuttavia, l’agente che ha raccolto la telefonata si è sentita domandare di poter parlare con Sir Alex Ferguson (ex allenatore del Manchester United).

Ovviamente, l’agente ha cercato di far ragionare il tifoso, ma senza successo: il giovane voleva reclamare la sconfitta della sua squadra contro il Sunderland. L’agente, alla fine spazientito, ha spiegato al giovane che il numero composto era riservato solo per denunciare crimini. Il tifoso, a quel punto, ha risposto: “Sì un crimine. Voglio denunciare un crimine. Il crimine è che il Manchester United era completamente spompato”. Ovviamente, la risposta ha riportato la telefonata ad un clima di ilarità, ma dietro a a quei pochi minuti poteva consumarsi un dramma.

E’ lo stesso portavoce della polizia a specificare l’importanza del 999: il telefono occupato, per quei minuti, poteva significa la vita o la morte per qualcun’altro che, nello stesso momento, cercava di contattare le forze dell’ordine.

Il giovane tifoso, per questa volta, se l’è cavata con un richiamo. Tuttavia, è stato avvisato per le prossime sbronze: la prossima chiamata potrebbe essere più “impegnativa” a livello penale. Qualcuno, però, dovrebbe avvisare il giovane tifoso che Sir Alex Ferguson è andato in pensione: al suo posto, da qualche mese, è arrivato David Moyes. Per le prossime proteste (pacifiche, si intende!) dovrebbe per lo meno prendersela con il tecnico giusto, e non chi è in pensione!