giovedì , 16 agosto 2018
Lo sai che....

Tre gemelle identiche: i genitori le distinguono con lo smalto sui piedi

Tre gemelle identiche i genitori le distinguono con lo smalto sui piedi

Questa è l’incredibile storia di una coppia di genitori inglesi, Karen e Ian Gilbert, provenienti da PontyPool in South Wales che, dopo la nascita delle loro tre gemelline omozigote, Paige, Maddison e Ffion, hanno avuto difficoltà a riconoscerle, e così hanno inventato un’idea alquanto geniale per poterle distinguere. Infatti, i genitori per poterle distinguere, le hanno colorato le unghie degli alluci dei piedi con smalti diversi, affermando: “Non lo facciamo per motivi estetici, ma veramente perchè facciamo fatica a distinguerle”.

Così le loro unghiette sono state colorate con il colore dello smalto che iniziasse con la lettera iniziale del loro nome. Per le unghie di Ffion è stato utilizzato uno smalto fucsia, mentre hanno colorato con lo smalto menta “verde” le unghie di Maddison e invece le unghiette della piccola Paige sono color porpora. La madre delle gemelline, Karen di 33 anni, durante un’intervista al magazione online inglese, ovvero al “DailyMail” ha spiegato: “Non è un vezzo della moda: veramente dobbiamo lottare per distinguerle. Ci è venuta in mente questa idea dello smalto e subito ci è sembrato geniale. Ora la routine quotidiana è molto più facile: pappa, bagnetto e cambio di pannolino. Il colore ci aiuta a capire chi ha avuto cosa”.

Certamente, avere parecchi figli, non è semplice al giorno d’oggi data la crisi economica: ma, nonostante tutto, ogni settimana i genitori consumano 120 pannolini e ben 84 bottiglie di latte, quindi spendono molti soldi per poter acquistare tutte queste cose. Inoltre, i due genitori, sperano che crescendo le tre gemelline sviluppino dei tratti e delle personalità differenti, in modo da poterle distinguere anche durante la loro crescita.

Durante l’intervista, hanno spiegato i genitori che dopo la loro nascita molte cose sono cambiate: “Abbiamo un passeggino triplo e abbiamo anche cambiato un’auto per un’altra più grande”. Per di più, anche per fare la spesa era diventato un problema e persino il supermercato in cui si recano di solito ha dovuto realizzare appositamente per loro un carrello con tre seggiolini, per ognuna delle bimbe.

Inserisci un commento