sabato , 17 novembre 2018
Lo sai che....

Halloween: una festa che divide i cristiani

 

Il rapporto tra la festa di Halloween e il mondo cristiano è piuttosto controverso.

Nella Chiesa Anglicana le diocesi sottolineano le tradizioni cristiane della festa di Tutti i Santi, mentre per i protestanti Halloween è il giorno della riforma. Anche il culto protestante la considera una festività di carattere religioso e mistico, ma non cristiano. Gli evangelici considerano Halloween la celebrazione più importante per i seguaci di Satana e nel quale si spera il diabolico e l’esoterico convivino con gli umani. Per i cristiani celti (popolo d’origine), si tratta di una festa secolare dedicata a celebrare fantasmi o a ricevere dolci e non è una minaccia per la vita spirituale dei bambini.

Per quanto concerne alla religione cristiana cattolica, Halloween è considerata una festa che non ha nulla a che fare con quella di Ognissanti ed è un tentativo mal celato di manipolare le menti delle persone e condurle verso una vita basata sull’adorazione di una realtà magica ed esoterica. Secondo il parroco esorcista padre Gabriele Amorth, “Halloween è una sorta di seduta spiritica presentata sotto forma di gioco, in forma ludica ed innocente: una sorta di omaggio a Satana che non ha nulla a che fare con Gesù, ed è grave che l’Italia e l’Europa celebrino una festività così macabra”.

Per il Cristianesimo, Halloween è il simbolo di una mentalità pagana, superficiale e superstiziosa ed è solo un punto di passaggio verso il satanismo. Il neopaganesimo Celtico considera il periodo di fine ottobre come un tempo sacro, nel quale coloro che mantengono costumi ancestrali fanno offerte agli dei e agli antenati.

Inserisci un commento