mercoledì , 15 agosto 2018
Lo sai che....

I medici visitano la gamba sbagliata e lo dichiarano falso invalido

I medici visitano la gamba sbagliata e lo dichiarano falso invalido: A quanto sembra la malasanità non è soltanto un problema riferito all’Italia. Anche in Inghilterra ci sono gli stessi problemi. Come tutti voi senz’altro sapete, dalla lettura dei giornali o dai telegiornali, ci sono molte persone che furbamente cercano di truffare il sistema sanitario nazionale dichiarandosi invalidi quando in realtà stanno benissimo. Ma la storia che vi sto per raccontare ha davvero dell’incredibile: un ex camionista che vive nella contea di Davon stava per finire in galera gli mancasse veramente una gamba.

Il nome dell’uomo è Robert Punter, ed era stato portato in tribunale dal Department of Work and Pensions (DWP) con l’accusa, pesantissima, di aver ottenuto la pensione di invalidità, nonostante non gli spettasse. In realtà all’uomo era stata veramente amputata la gamba sinistra a gennaio, gamba che, tra le altre cose, gli stava dando gravi problemi da oltre 47 anni. Infatti era rimasto gravemente ferito durante una battuta di caccia, rischiando anche di morire. Ma il medico non si era reso conto di tutto ciò.

Però, a differenza dei guai che avrebbe passato in Italia, l’uomo si è presentato in tribunale dopo pochissime settimane subito dopo la denuncia, e nonostante si sia fatto un processo, quest’ultimo è durato soltanto pochi minuti. Il giudice ha potuto rapidamente constatare la mancanza di una delle due gambe e tutte le cartelle cliniche relative agli anni precedenti.

Sembra che questo grande malinteso, se così lo si può chiamare sia dovuto a un errore dei medici che avevano visitato la gamba sana in seguito ad un piccolo incidente al piede e da lì sarebbe emerso il fatto che i problemi alla gamba, effettivamente, non erano così gravi da giustificare addirittura una pensione di invalidità. Non a caso, quella, era la gamba sana! Incredibile ma vero: qui in Italia si fa fatica a beccare i veri falsi invalidi, all’estero beccano anche quelli che non lo sono!

Inserisci un commento