venerdì , 14 Dicembre 2018
Lo sai che....

Il dolce più costoso al mondo

“De gustibus non disputandum est” dicevano gli antichi latini. Sui gusti non si discute, su questo non c’è dubbio, ma anche per il palato più raffinato spendere ben 35.000 dollari per un solo dolce è un’esagerazione bella e buona. Forse neppure la ricchissima ereditiera Paris Hilton penserebbe mai di spendere una cifra simile per un prodotto gastronomico che, sebbene pregiato, è destinato ad esaurirsi nel giro di qualche minuto o addirittura a non poter essere gustato per preservarne l’integrità come pezzo da collezione di pregiata e poterlo esporre come emblema di lusso di chi lo possiede. Ma cos’è che rende così speciale guesto costosissimo prodotto di pasticceria? Innanzitutto c’è da dire che il suo ingrediente principale non è il comunissimo cacao che si trova in tutti i supermercati o quello che qualsiasi pasticcere utilizza per decorare e dare sapore ai suoi dolci, ma è un cacao del tutto particolare e pregiato. Si tratta, infatti di una miscela di ben 28 varietà di cacao altamente selezionate e di elevatissima qualità. Come se tutto ciò non bastasse, il grande chef internazionale Marc Guibert, primo ideatore di questo meraviglioso dolce, ha deciso che era necessario renderlo ancora più prezioso e unico e ha trovato il modo per farlo arricchendo la sua composizione esterna con uno strato di gelatina di champagne di prima qualità e lo ha poi ricoperto con una sottile lamina d’oro completamente commestibile. Un vero e proprio gioiello, quindi, stavolta non da indossare ma tutto da gustare! Ma chi avrebbe veramente il coraggio di mangiare una simile opera d’arte, soprattutto dopo aver speso una cifra esorbitante per averla? Ma soprattutto, il famoso dolce più costoso al mondo troverà veramente un acquirente disposto a comprarlo? Staremo a vedere. Nel frattempo qualcuno ha proposto una romantica idea per utilizzare la lamina d’oro che riveste il dolce: non mangiarla, bensì farne un anello da regalare alla persona amata.

Inserisci un commento