lunedì , 16 luglio 2018
Lo sai che....

Il wc elettronico

È già arrivata in Italia la rivoluzionaria, e forse anche un po’ inutile, nuova invenzione nipponica: il WC elettronico! Noi occidentali non lo abbiamo certo nelle nostre case e molti di noi ignorano perfino la sua esitenza, ma il wc elettronico esiste, svolge anche la funzione di bidet e in giappone è ormai un componente di ogni stanza da bagno che si rispetti. L’invenzione potrebbe sembrare frutto delle recentissime ricerche scientifiche per migliorare sempre più la vita quotidiana e risparmiarci anche la più piccola fatica nel pulire e disinfettare i sanitari, ma in realtà il water elettronico nasce molti anni fa, precisamente nel 1984, ma noi italiani, come sempre siamo arrivati in ritardo anche nella sua conoscenza. Ora magari a tanti sarà venuta voglia di comprarne uno per installarlo nella propria casa dandogli un tocco in più di innovazione e modernità miste anche ad un certo fascino tutto orientale ma è bene anche sapere che questi wc elettronici hanno dato non pochi problemi alle famiglie giapponesi che li hanno utilizzati e alle case produttrici che li hanno immessi sul mercato. Molti di essi, infatti, hanno inspiegabilmente iniziato a prendere fuoco spontaneamente e a surriscaldarsi, un bel problema per chi in quel momento ci era seduto sopra. Trascurando questo insignificante particolare, ci sono tante buone ragioni per dotare la propria abitazione di questa meraviglia della tecnologia. Prima fra tutte la funzione di bidet che permette, tramite un apposito pulsante posto a lato dello stesso, di lavare le proprie parti nascoste senza doversi alzare dal wc per passare al bidet. Una bella comodità insomma, visto che è anche possibile regolare sia l’intensità che la modalità con cui l’acqua viene emessa così come è anche possibile regolare la portata d’acqua dello sciacquone. Tutto questo non basta? Allora sappiate che i giapponesi sono stati davvero ingegnosi e hanno dotato il wc elettronico di un sistema per riscaldare lo stesso prima di sedersi sopra…ma occhio agli incendi!

Inserisci un commento