sabato , 18 agosto 2018
Lo sai che....

Leggere la propria epigrafe funebre… errore o scherzo?

RIP-500-squareImmaginati  la scena… cammini per le strade della tua città, le stesse strade che percorri ogni giorno per andare a fare la spesa, per andare a lavoro o per accompagnare i figli a scuola. Ed ecco che, su tutte le pareti esterne della case, sulle fermate dell’autobus e sui cartelloni pubblicitari, vedi la stessa epigrafe funebre. Il tuo, epitaffio funebre. Con tanto di nome, cognome, data di nascita e… quella di morte! Eh si… sembra proprio che tu stia vivendo in prima persona uno di quegli strani ed inspiegabili fenomeni paranormali. Ma siamo proprio sicuri di questo?

Una persona si è trovata davvero a leggere la propria epigrafe funebre, come la scena sopra descritta, in realtà sono molte le persone che ogni anno si trovano a risolvere questi spiacevoli equivoci… ma una cosa rimane sempre la stessa: il periodo in cui lo strano avvenimento si manifesta. La città era letteralmente invasa da questi cartelloni che annunciavano la sua recente dipartita. Immaginatevi il colpo! Leggere ovunque di essere morto, proprio mentre stava andando a fare la spesa al solito supermercato di sempre!
Il povero mal capitato che legge la propria epigrafe funebre ha impiegato qualche ora per capire che si trattava di uno scherzo… uno scherzo di carnevale studiato a tavolino per lui da qualche amico burlone!

La reazione dell’uomo? Fortuna che la sua dose di auto-ironia era abbastanza alta da poterci ridere su al tavolino in famiglia… pensate invece se la vittima fosse stata una di quelle persone che pensa sempre “il mondo ce l’ha con me!”.

Tappezzare le strade frequentate da un nostro amico, con questi cartelloni funebri, può essere molto divertente sia per chi lo fa che per chi lo riceve (dopo qualche ora, quando avrà realizzato!) . Ma ricordati sempre: scegli bene la tua vittima, perché c’è gente non sa ridere neanche quando gli vengono tirati dei coriandoli addosso, figuriamoci se devono leggere la propria epigrafe funebre su tutte le pareti della città!

Inserisci un commento