lunedì , 20 novembre 2017
Lo sai che....

Naso nuovo senza chirurgia: dal Giappone arriva l’ aggiusta-naso!

aggiusta-nasoSi chiama comunemente “aggiusta-naso”: si tratta di uno strumento che sistema le imperfezioni del naso, senza ricorrere obbligatoriamente a chirugia estetica e metodi invasivi. La novità arriva dal Giappone, e promette di fare faville: tecnicamente si chiama Hana Twin Nose Straightener. Ma come funziona questo nuovo strumento? L’uso è molto semplice: è sufficiente indossare l’aggiusta-naso per almeno 20 minuti al giorno. In Giappone è già una moda: l’obiettivo di questo strumento, infatti, è di sistemare le piccole imperfezioni del naso. Una gobbetta di troppo, oppure narici troppo larghe: l’aggiusta-naso promette, in soli 20 minuti al giorno, di sistemare questi piccoli difetti. Scientificamente, però, questo strumento non è stato ancora dimostrato: nonostante ciò, il Giappone lo ha già adottato come tecnica alternativa alla chirurgia plastica. L’Hana Twin Nose Straightener è una clip di plastica che sta riscuotendo successo non solo per la sua praticità e semplicità: l’aggiusta-naso, infatti, promette di rendere una parte del viso più simile a quella occidentale. Da tempo, ormai, gli orientali inventano qualsiasi mezzo o strumento pur di modificare i loro tratti: la bellezza occidentale, nella cultura giapponese, è un sogno da rincorrere. E per farlo, periodicamente, esce sul mercato uno strumento nuovo. L’alternativa più professionale (e sicuramente più sicura) è la chirurgia estetica. Tuttavia, gli interventi di questo tipo sono molto costosi, ed invasivi: la riabilitazione, poi, in molti casi è lunga. Per questo motivo, in commercio esistono delle alternative più economiche: l‘Hana Twin Nose Straightener è una di queste. La domanda che ci si pone, però, è se in soli 20 minuti al giorno sia possibile modificare, o eliminare del tutto, delle imperfezioni che (con grande probabilità) si portano avanti da una vita. Seppene  l’aggiusta-naso sia già un must in Giappone, la sua valenza scientifica è ancora da provare.  Tuttavia, questi interrogativi sembrano non interessare ai giapponesi. Probabilmente, per loro vale il detto “chi bello vuole apparire un poco deve soffrire”!