sabato , 18 agosto 2018
Lo sai che....

Noemi e Mengoni, quando cantare e’ pregare due volte

 

Se e’ vero che cantare e’ pregare 2 volte allora Monsignor Antonio Staglianò,  un vescovo di Noto, in Sicilia, che negli ultimi giorni si è fatto notare perchè durante l’omelie ama intonare i brani di Marco Mengoni e Noemi, ci e’ riuscito in pieno.

Di origini calabresi il vescovo sin da subito si è fatto amare dalla popolazione locale ma da qualche giorno è diventato un vero vip, ricevendo tantissimi complimenti per le sue performance che tanto piacciono.

Un sacerdote pieno di simpatia che ama dire la messa in maniera diversa, tanto da diventare una nuova star del Web.

vescovo-canta-mengoniIn fin dei conti il suo obbiettivo era di cercare l’attenzione delle persone presenti a seguire la messa. Intento riuscito benissimo

Attraverso l’uso dei testi delle canzoni, che canticchia pure discretamente, riesce a trasmettere nella maniera più diretta e comprensibile i messaggi d’amore e di pace del Signore.

Siamo spesso abituati a sentir parlare di sacerdoti o vescovi per fattori negativi quindi notizie e curiosità come queste possono solo farci piacere.

Nel video che vi proponiamo oggi presentiamo il Monsignor Antonio Staglianò e una delle sue tante performance durante l’omelia molto speciale, per spiegare il concetto di “vuoto” e di “amore” cantando “L’essenziale di Mengoni ”.

Dal video si può notare che il vescovo conosce a memoria le canzoni e che conosce a fondo il loro significato tanto da saperne fare un’interpretazione.

“Mi sono reso conto che questa può essere una maniera per attirare in maniera migliore l’attenzione delle persone.” ha affermato il vescovo.

“Quando alcune cose si dicono cantando possono essere capite in maniera migliore” ha poi aggiunto.

Il vescovo promette che sta studiando nuove canzoni che a breve presenterà a tutti i fedeli. Come per la celebre Suor Cristina, magari in futuro ci sara’ spazio anche per lui , in qualche reality show, d’altronde la Chiesa sta scoprendo un metodo nuovo di predicare e attrarre a se i fedeli smarriti.

Probabilmente il vescovo avra’ preso spunto da Don Bruno, un prete della Brianza che durante i matrimoni non disdegna di cantare Mamma Maria.

 

Che aspettarci ancora? Si arrivera’ ad ascoltare Follow you Follow me dei Genesis? L’importante e’ che non si esageri, perchè la musica troppo forte potrebbe non farci sentire la chiamta del Signore…

Inserisci un commento