venerdì , 25 maggio 2018
Lo sai che....

Pornostar ha paura che il suo seno “illegale” XXL possa ucciderla

“Chi bella vuole apparire deve soffrire” recita un vecchio detto; sagge parole sempre attuali, che calzano perfettamente alla storia di Elizabeth Starr, una nota pornostar ed escort inglese, conosciuta non solo per la sua “professione” ma per il suo seno extra-large! Elizabeth Starr all’età di quindici anni si era sottoposta ad un intervento chirurgico per impiantare delle protesi mammarie al polipropilene esagerate, delle quali stà pagando ancora oggi le conseguenze, come confessa “Il mio seno XXL mi ha quasi ucciso”.

Bandito sia in America che in Europa questo tipo di impianto, vede oggi Elizabeth Starr, 44 anni, vivere con la costante paura che il suo seno possa ucciderla, perché le sue protesi esagerate fatte con la sostanza plastica fibrosa, sono altamente esposte a rischi quali coaguli di sangue ed infezioni, asimmetria dei seni ed irreversibilità dello stato abnorme. Partita da una 36D, Elizabeth Starr, sottopostasi all’intervento per lanciare la sua carriera, si ritrova oggi una coppa 36O, che le stà dando molte preoccupazioni!

Come fa sapere infatti la pornostar al Daily Mail “Ho rischiato di morire tre volte. Vivo con la preoccupazione di essere colpita da infezioni o coaguli di sangue, ha rovinato la mia vita. Sono vittima di un esperimento e ne sto ancora pagando le conseguenze”. Sottopostasi all’intervento nel lontano 1999, la pornostar ricordaPochi giorni dopo l’intervento il mio seno destro era rosso e gonfio. Io mi sentivo debole e tremolante. Il chirurgo mi tagliò un pezzo di tessuto dal seno, pensando che fosse infetto.

L’infezione però si estese gradualmente e fece un buco nel seno, il dolore era insopportabile” ma le cose andarono peggiornado per Elizabeth Starr, che per tentare di riparare all’intervento chirurgico negli anni ha speso circa 200mila sterline – ossia 240mila euro – in ben 63 procedure di chirurgia ricostruttiva, purtroppo senza esito positivo. Le protesi infatti, una volta impiantate, avvalendosi del continuo assorbimento di liquido nel corpo continuano a crescere. L’unico rimedio è l’aspirazione del liquido tramite un delicato intervento chirurgico – motivo per cui sono state bandite a favore delle protesi al silicone o saline – ma i medici, hanno consigliato ad Elizabeth Starr come unico e risolutivo rimedio una doppia mastectomia, ossia l’asportazione totale dei seni. Elizabeth Starr ha confessato“Sono stata ricoverata per crisi respiratoria e ho rischiato di morire per ben tre volte”, per cui che dite, abbandonerà la sua taglia 36O per “la vita“?

Inserisci un commento