sabato , 18 agosto 2018
Lo sai che....

Professore licenziato per la sua strana barba

professore licenziato per la barba bizzarra

A Charleston, in USA, un docente universitario di sociologia, che insegnava all’Università di “Arti Liberali” è stato licenziato, poichè la sua barba era davvero bizzarra.

In realtà l’uomo non è stato licenziato poichè non poteva insegnare con quella stravagante barba, ma proprio perchè era stato notato da una nota azienda produttrice di birra che lo ha voluto ingaggiare per il suo nuovo spot pubblicitario. Inoltre, un fotografo professionista, ha deciso di scattargli una foto durante un concorso dedicato alla barba e ai baffi, al quale ha partecipato il professore di sociologia.

Ma, per questo motivo, ha perso il lavoro nell’Università in cui insegnava. E’ stato licenziato proprio perchè, il professore universitario, ha dichiarato che non sapeva niente riguardo all’uso della sua fotografia presente sulle lattine della birra, ha spiegato che lo aveva scoperto dopo che le lattine erano state messe in vendita. Quindi, a causa di questo gesto, il docente è stato licenziato dal preside.

In un’intervista ha affermato: “Il preside della scuola mi ha convocato nel suo ufficio per annunciarmi il licenziamento e per dirmi che quello che è accaduto è poco adeguato ad un ambiente cristiano come la scuola dove lavoro”.

Ma, nonostante tutto, molti studenti della scuola in cui insegnava l’uomo, sono schierati dalla sua parte e lo stanno sostenendo affermando che non è per niente giusto quanto accaduto, anche perchè la barba non va ad infierire sul rendimento dell‘insegnante. Attualmente l’uomo è al lavoro con il suo avvocato per poter risolvere questo “gravissimo” problema. Infatti, non è giusto che un onesto lavoratore venga licenziato per un una sciocchezza del genere.

Nel frattempo, non resta altro che aspettare e sperare che tutto si risolva senza troppi problemi. Gli facciamo un grande “in bocca al lupo” e speriamo che l’uomo ritorni a ricoprire il suo ruolo di insegnante universitario.

Inserisci un commento