martedì , 17 ottobre 2017
Lo sai che....

Siberia: trovata pepita d’oro di 6 chili

ritrovata pepita d'oro da 6 kg

Solo poche settimane fa, a Mosca, alcuni minatori appartenenti al giacimento di Ugakhan, nel quartiere di Bodaybinsky della regione di Irkutsk, hanno fatto una sensazionale scoperta, ovvero hanno ritrovato una gigantesca pepita d’oro dal peso di ben 6,664 chili che è stata soprannominata “Orecchio del Diavolo” proprio per la sua grandezza.

Ma la cosa più eclatante, è che la pietra preziosa stava per scomparire, a causa di un macchinario, utilizzato per la selezione dei materiali preziosi, che l’aveva sotterrata, ma per fortuna, un gruppo di minatori è riuscito a trovarla.

Un altro particolare interessante è la data della scoperta della pepita, ovvero questa è stata scoperta il 13 Giugno 2014, in una notte di luna piena. Invece, per quanto riguarda la sua forma, anche questa è davvero misteriosa, poichè assomiglia molto ad un orecchio gigante. In un primo momento, il macchinario utilizzato dai minatori per il setacciamento dei materiali preziosi, non aveva riconosciuto la pepita, che, di conseguenza, era finita tra gli altri materiali di scarto.

Ma, dopo poco tempo, alcuni operai che cercavano di sistemare gli scarti, hanno fatto la grande scoperta, riconoscendo a colpo d’occhio l’enorme pepita d’oro. Per quanto riguarda il valore di questa pietra preziosa, è stato stimato che questa potrebbe valere fino a ben 300 mila dollari.

Bene, potete immaginare lo stupore e l’entusiasmo degli operai che hanno trovato la pepita. Per di più, altri minatori hanno affermato che, dopo aver trovato la prima pepita d’oro, sono sicuri che ne troveranno altre.

Sergey Kozlov ha affermato: “La pepita è stata trovata in una nuova miniera, che secondo una stima preliminare non dovrebbe avere molto oro. Ora i minatori sono molto fiduciosi anche perchè un vecchio detto dice che una pepita non cammina mai da sola”.

Attualmente, i dirigenti della miniera, sono alle prese con il macchinario da setacciamento per valutarne la sua efficienza, poichè ritengono che abbia potuto fare altri errori, dopo non aver riconosciuto la gigantesca pepita d’oro.