martedì , 25 settembre 2018
Lo sai che....

Tensione in Cina: polizia ispezione il lato B di 10 mila piccioni

piccioniLa tensione, e la preoccupazione, può portare ad azioni decisamente sconsiderate e preoccupanti. E’ ciò che è successo in Cina, dove le autorità sono state costrette ad ispezionare il lato B di ben 10 mila piccioni. La paura più evidente? Che qualcuno avesse nascosto dell’esplosivo al loro interno.

Già, siamo abituati a sentirne di tutti i colori, ma le ispezioni anali ai piccioni proprio mancavano. E pensiamo che anche alla polizia cinese non abbia fatto piacere. Purtroppo, l’ordine era perentorio, e nessuno si è potuto sottrarre al suo compito (per quanto fosse ingrato!).

In sostanza, in occasione della festa nazionale cinese avvenuta lo scorso primo ottobre, gli agenti di polizia oltre ai classici controlli hanno dovuto perquisire ben 10 mila piccioni. Un’operazione che, inizialmente, ha suscitato molta ilarità sia a livello mediatico che popolare, ma che in realtà nasconde un obiettivo ben preciso.

Dopo le continue proteste ad Hong Kong, le autorità hanno posto il livello di allarme molto in alto: i piccioni, infatti, dovevano essere liberati su piazza Tienanmen, e la paura più evidente era che i piccioni potessero essere stati utilizzati come “mine vaganti”.

Chi ha inviato l’ordine di controllo, infatti, ha ipotizzato che gli “oppositori” potessero inserire dell’esplosivo all’interno dei poveri pennuti. La verità, secondo tanti altri, è che questi animali, volando in alto, potessero avere dei piccoli bigliettini attaccati alle zampine (e pronti per essere lanciati a terra) con frasi inneggianti la libertà. Un colpo ancora più duro alle autorità.

Secondo alcuni blogger, questa iniziativa, può riassumere in pieno il clima di censura, e di paura, che si sta vivendo in Cina in questo periodo.

Di sicuro, l’iniziativa ha fatto sorridere chi “vive la situazione dall’esterno”. I poliziotti, invece, non avranno apprezzato l’idea di dover analizzare il lato B di ben 10 mila piccioni innocenti. La domanda, a cui forse non avremo mai risposta, però è questa: avranno mai trovato qualcosa di “sconveniente” al loro interno?

Inserisci un commento