venerdì , 25 maggio 2018
Lo sai che....

Uomo soffre di Acromatopsia si fa impiantare un’antenna nel cervello

neil harbisson acromatopsia

Secondo quanto appreso sul web, possiamo affermare che un uomo di 31 anni che da quando è nato non è in grado di sapere cos’è un colore, tanto meno vedere. Quindi, Neil ha deciso di farsi impiantare nel cervello un’antenna per poter individuare e riconoscere i colori. Si tratta del primo uomo che presenta nel suo cervello questo tipo di dispositivo tecnologico.

Stiamo parlando di un artista, di nome Neil Harbisson che per ben 10 lunghi anni, si è servito di un occhio elettronico esterno che era in grado di trasformare le frequenze dei colori, in vibrazioni acustiche. Quest’uomo vive a Londra e soffre di una rara malattia genetica, che ha colpito solo poca gente in tutto il mondo. Si tratta di una patologia che prende il nome di ‘Acromatopsia‘, ovvero ci riferiamo ad un disturbo che permette di vedere solo in bianco e nero, impedendo a tutti coloro che soffrono di questo disturbo, di visualizzare i colori, provocando alcuni fastidi della vista fino a causare una parziale perdita della vista.

Inoltre, l’artista ha affermato di aver subito un’operazione che gli permettesse di poter vedere almeno i colori più complessi. Infatti,
come da titolo, possiamo affermare che l’uomo si è fatto impiantare nel cervello, un’antenna che gli permette di visualizzare i colori. In questo modo, l’artista si è liberato dell’occhio elettronico e potrà percepire i colori come una persona normale.

Di fatti, grazie ad un connettore Wi-Fi presente nel chip, l’uomo è in grado di sentire le immagini inviate semplicemente da un normale smartphone all’antenna. Questa innovativa tecnologia si chiama ‘Eyeborg‘, ovvero stiamo parlando di un dispositivo che dispone di una telecamera posizionata su un lato e, sull’altro lato è stato posizionato l’ingresso audio. Grazie all’ingresso audio che gli è stato posizionato sul cranio, l’uomo ha la possibilità di ricevere lo spettro visivo selezionato dalla fotocamera attraverso le vibrazioni delle ossa del cranio.

Tutti i colori, presentano una vibrazione differente, quindi anche ogni immagine e ogni volto, si presentano con un suono diverso.

Inserisci un commento