martedì , 12 dicembre 2017
Lo sai che....

Washington: hamburger di vermi e lecca lecca allo scorpione

menù dell'orrore

Una nuova tendenza è in arrivo da un ristorante di Washington, stiamo parlando del menù dell’orrore che prevede delle portate di Hamburger di vermi e lecca lecca agli scorpioni. Beh, un vero e proprio mix di piatti “insoliti“. Di fatti, non stiamo parlando di un film dell’orrore o piatti di diversi Paesi in cui si mangiano i vermi, ma ci riferiamo ad un ristorante abbastanza vicino alla Casa Bianca.

Il proprietario del locale, Rodney Scruggs, ha voluto sfidare le classiche abitudini degli americani ed ha proposto, ai suoi clienti, un uovo menù diverso dai tipici piatti americani. Infatti, il “Menù dell’orrore” prevede cavallette essiccate, grilli, hamburger realizzati con vermi, lecca lecca allo scorpione ed altre prelibatezze cucinate con i vermi.

Il proprietario del ristorante, ha assicurato che si tratta di alimenti alquanto proteici e che fanno bene se ben preparati. Rodney Scruggs ha affermato: “I grilli e le cavallette essiccate sono molti simili al tofu, hanno un alto contenuto di proteine. Non è ancora una tendenza vera e propria ma sicuramente sta prendendo piede”. Infatti, secondo diversi esperti di cucina, i vermi e gli insetti saranno il futuro dell’alimentazione nel nostro pianeta. Per di più, diversamente da quanto si possa pensare, i vermi e gli insetti sono considerati del cibo sano e vario. Di fatti, al giorno d’oggi, si stima che sulla Terra ne esistono 1.900 specie commestibili, ricchi di vitamine e proteine ed a basso contenuto di grassi.

Tuttavia, nonostante le varie rassicurazioni, sono ancora tante le persone che non si fidano e non sono entusiasti di questa nuova tendenza. Gli amanti di questo menù affermano che gli insetti fanno bene e hanno un ottimo sapore specialmente, se cucinati bene e ben croccanti. Scruggs ha avuto questa “geniale” idea proprio per promuovere la cucina “diversa“, per far conoscere i vantaggi di mangiare vermi ed insetti ovviamente commestibili.